SCARICATI LA NOSTRA BROCHURE

QUI SOTTO PUOI VISIONARE IL NOSTRO ALLEGATO A

QUI SOTTO PUOI VISIONARE IL NOSTRO ALLEGATO A

ORGANIZZAZIONE INTERNA
L’organico FIR, sia della sede centrale che di quella periferica, sarà gestito e coordinato dal manager delle risorse umane che impegnerà al meglio le risorse sia per le necessità della sede, sia per le necessità degli organi territoriali. 
STRUTTURAZIONE DEGLI ORGANI TERRITORIALI
FIR svilupperà il progetto sui Territori a beneficio dei Club per mezzo dei Comitati Regionali, ai quali verranno demandate le deleghe attuative per gli obbiettivi fissati dal Consiglio Federale. 
I Comitati Regionali agiranno in autonomia nelle valutazioni economiche, geografiche e sportive del proprio movimento regionale e/o interregionale. Per i loro scopi istituzionali saranno dotati di una provvista finanziaria stimata in € 4.000.000,00.
Squadra Nazionale
È indispensabile, sia per l’aspetto sportivo, sia per quello economico-finanziario, la partecipazione della Nazionale al Torneo delle Sei Nazioni. Un’eventuale esclusione proietterebbe la FIR e tutto il movimento in scenari oggi davvero inimmaginabili. 
CAMPIONATI NAZIONALI
Si realizzerà una riforma globale dei Campionati il cui traguardo finale è descritto nell’allegato A. Si tornerà agli anni dispari nella gestione delle categorie giovanili. Ci sarà una netta separazione tra il Rugby Professionistico ed il Rugby non Professionistico da oggi Professionale. 
TORNEO PRO14
Il PRO 14 è un’altra importante fonte di finanziamento del nostro movimento. È indispensabile valorizzarlo al meglio! In particolare, è del tutto evidente come la società le Zebre, di cui FIR è socio unico, nel tempo non sia stata in grado di rispettare i budget e gli impegni finanziari di previsione.
RUGBY SEVEN
Il Rugby Seven deve essere valorizzato. Obiettivo primario: le Olimpiadi! Sarà quindi oggetto di una profonda rivisitazione, identificando risorse e competenze di alto livello, individuando un centro di formazione militare cui demandare la gestione della disciplina.
ACCADEMIA E CENTRI DI FORMAZIONE PERMANENTE
Ritengo che il progetto “Accademia e Centri di Formazione Permanente” per i risultati ottenuti a dispetto degli investimenti fatti sia da ritenersi concluso. Si rende necessaria, quindi, una radicale ristrutturazione che terrà in considerazione tutte le parti coinvolte, in primis i giovani.
TAG RUGBY - TOUCH RUGBY - SNOW RUGBY - BEACH RUGBY
Ritengo che Touch Rugby, Tag Rugby, Snow Rugby e Beach Rugby, anche nelle declinazioni Old, siano discipline che la FIR deve ampliare al meglio. Ne sarà promossa la pratica e la diffusione su tutto il territorio nazionale per intercettare nuovi bacini di utenza ed interesse.
PROGETTO SCUOLA
Un cambiamento radicale del mondo del Rugby passa anche tramite un ampliamento quantitativo della base. Allargare il numero di giocatrici e giocatori di giovane età significa avere fondamenta solide per costruire il futuro del Rugby, oltre che avere maggiori opzioni di selezione. Il reclutamento è attualmente affidato in larga parte alle iniziative delle singole società, che in maniera autonoma prendono accordi con dirigenti scolastici, professori particolarmente sensibili alla possibilità di introdurre il gioco del Rugby nella scuola.
RUGBY SOCIALE
Oltre a confermare e migliorare gli impegni e le iniziative nelle aree del sociale quali Rugby Integrato e Progetto Migranti, si promuoveranno e svilupperanno progetti inclusivi per la disabilità fisica, in primis il Wheelchair Rugby. Verrà profuso particolare impegno per il Rugby oltre le sbarre, che ritengo un contributo indispensabile per il sostegno e il recupero di chi nella vita ha fatto degli errori e vuole voltare pagina.
PROGETTO SUD
Che il Rugby nel Sud del nostro Paese abbia avuto un forte ridimensionamento è sotto gli occhi di tutti noi. Non possiamo ignorarlo! La palla ovale non potrà raggiungere l’attenzione che merita nel nostro Paese fino a quando non sarà realmente uno sport nazionale. Per questo, per il contributo in giocatori che storicamente il Sud ha dato alle squadre nazionali, è obiettivo primario e raggiungibile sviluppare il Rugby nel nostro meridione.
ATTIVITÀ SOCIALE
Sarà sostenuta e promossa la partecipazione all’attività motoria e sportiva, dentro e fuori la scuola. Si punterà a fare dei nostri Club e del nostro sport un punto di riferimento per ragazzi/e, le loro famiglie, con iniziative sociali funzionali a promuovere corretti stili di vita. 
TECNICI REGIONALI
I Tecnici Regionali sono figure strategiche, attualmente poco apprezzate rispetto all’importanza del ruolo ed al volume di lavoro svolto dentro e fuori dal campo. Ritenendo la loro professione indispensabile per la crescita dei giocatori e dei Territori, si ritiene doveroso attivare tutte le iniziative necessarie per una stabile valorizzazione economica, oggi purtroppo precaria.
SETTORE ARBITRALE
Il primo fondamentale ed ineludibile provvedimento per il settore arbitrale sarà quello di rendere il CNAR totalmente autonomo nella gestione della vita arbitrale, dalla didattica arbitrale alle designazioni arbitrali.
GIUSTIZIA FEDERALE
Il settore dovrà essere completamente riorganizzato anche promuovendo l’attività da remoto, in modo da allargare a tutto il territorio nazionale la possibilità di fare parte degli organi di giustizia federale, sia centrali che periferici. Si organizzerà la didattica di preparazione all’ingresso nel ruolo. 
RAPPORTI CON I MEDIA E GRANDI EVENTI
Il Rugby italiano al momento non suscita particolare interesse tra i media nazionali, sia televisivi che della carta stampata. Ne consegue che l’unica fonte di reddito sono i diritti televisivi del Torneo delle Sei Nazioni. Per poter incrementare l’interesse del Rugby su scala nazionale si rende necessaria una strategia diversa nella gestione dei grandi eventi.
SETTORE MEDICO
È essenziale fornire ai giocatori impegnati a livello internazionale una struttura medica federale all’altezza degli impegni che dovremo affrontare. La struttura federale deve coordinare gli interventi e le attività sui Territori in maniera costante.
PROGRAMMA POST CARRIERA DEI GIOCATORI
L’obiettivo della FIR sarà quello di creare opportunità lavorative post attività sportiva per i giocatori professionisti.